mercoledì 23 novembre 2011

Il diavolo veste Prada (The devil wears Prada), 2006

 Regia di David Frankel, con Anne Hataway (Andy Sachs), Meryl Streep (Miranda Priestley), STanley Tucci (Nigel), Emily Blunt (Emily).
317505

Andy, giovane neolaureata, sogna di lavorare in un’importante rivista, e il suo sogno sembra avverarsi quando viene assunta come assistente personale di Miranda Priestley, direttrice di “Runaway”, la più celebre rivista di moda di oggi. Ma già il primo giorno Andy cade miseramente dalle nuvole: lei, così minimalista e semplice, totalmente estranea al mondo della moda, deve adeguarsi a diventare una fashion victim, come le sue colleghe che si ucciderebbero se non avessero i capi all’ultima moda.
Per non parlare del fatto che Miranda è una vera e propria tiranna, che usa Andy per qualsiasi capriccio le passi per la testa, trattandola peggio di uno zerbino…ma la nostra amica, dopo un periodo nero, decide di resistere e fare vedere a Miranda di che pasta è fatta.
E così, con l’aiuto di Nigel, braccio destro della vipera, piano piano Andy si trasforma, purtroppo non solo fisicamente e stilisticamente; riesce nel suo intento, tanto che Miranda comincia ad aver stima di lei. ….


Tratto dal romanzo omonimo (2003) di Lauren  Weisberger, il film è la solita storia della giovane gavetta che ne deve sopportare di tutti i colori da un capo terribile già narrata in tanti film (e anche nel recente  telefilm UGLY BETTY), ma è un’esempio di come una trama abbastanza scontatine  possa diventare interessante se   sorretta da una buona sceneggiatura e da un’ottima prova di attori. In questo caso basterebbe l’interpretazione di Meryl Streep, mai così cattiva e perfida come in questo film, una vera “biscia”, un capo che nessuno vorrebbe avere! Ma che sa trasformare questa sua cattiveria anche in un fragilità del personaggio, come si capisce dalla scena a Parigi…insomma brava come al solito, ma come fa?!
Anne Hathaway nel ruolo di Andy è carina  e regge abbastanza bene un confronto difficile con la sua collega di scena, anche se mi pare che debba ancora lavorare molto per diventare una vera attrice…Il film è inoltre sostenuto da una  regia e da una sceneggiatura leggere e brillanti, che consentono allo spettatore di seguire senza annoiarsi, e da un’ottima colonna sonora.
Per il suo ruolo in questo film Meryl Streep ha ricevuta una nomination all’Oscar come migliore attrice.








Nessun commento:

Posta un commento