domenica 27 novembre 2011

PERCY JACKSON E GLI DEI DELL’OLIMPO- IL LADRO DI FULMINI (Percy Jackson adn the Olympians- The lighting thief ), 2010


Regia di Chris Columbus, con Logan Lerman (Percy Jackson), Brandon T. Jackson (Groover Underwood), Alexandra Daddario (Annabeth Chase), Jake Abel (Luke Castellan), Catherine Keener (Sally Jackson), Uma Thurman (Medusa) Pierce Brosnan (Chirone), Sean Bean (Zeus).

Percy Jackson è un sedicenne problematico che vive in un sobborgo di New Yor con la madre e l’odioso patrigno. La sua problematica e noiosa vita viene rivoluzionata il giorno in cui subisce un’inaspettata aggressione da una sua professoressa, che trasformatasi in Furia lo accusa di aver rubato la Folgore di Zeus e per questo cerca di ucciderlo.
Percy scopre così una realtà che mai avrebbe immaginato: gli Dei dell’Olimpo esistono realmente e hanno molti figli sulla Terra, uno dei quali è lui, figlio di Poseidone. A causa de furto di cui è sospettato è in pericolo e viene così portato dalla madre e dal migliore amico Groover in uno speciale campo per semidei e futuri eroi , tutti figli di Dei; qui scopre che Groover è in realtà un satiro che ha avuto l’incarico di esere il suo custode e che uno dei suoi professori a scuola è in realtà il centaruo Chirone. Inoltre fa amicizia con Annabeth, figlia di Atena, e Luke, figlio di Ermes.
Purtroppo però durante il viaggio fino la campus la madre di Percy era stata aggredita e uccisa da un mostro; il dio Ade si fa vivo col ragazzo proponendogli uno scambio: se lui gli darà la Folgore di Zeus, la madre verràliberata. Nonostante non sia lui il ladro Percy accetta e assiem ad Annabeth e Groover scappa dal campus in cerca della Folgore….


Tratto dal romanzo omonimo di Rick Riordan ( 2005)- primo di una  serie  sulla scia di Harry Potter-è un film che mi è piaciuto molto, contro ogni aspettativa. Sono infatti stufissima delle serie alla Harry Potter,compresa quella originale, che si portraggono per libri e film all’infinito. Il maghetto poi non mi è mai stato particolarmente simpatico….
Ma, attirata comunque dal fatto che questo film trattava anche la mitologia greca (seppure in una rivisitazione americanizzata e moderna), ho deciso di dargli la chance e non me ne sono pentita.
Nonostante qualche incongruenza e lacuna narrativa (come mai l’Olimpo, l’Ade e compagni bella stanno in America e non in Grecia?! E poi,dai,lo sappiamo tutti che gli Dei e dee come hobby seminavano la terra di figli..mica ne avevano uno a testa!), è una bella storia, avvincente e interessante al punto giusto, narrata con garbo e ben delineando i personggi principali, mentre quelli secondari sono interpretati da attori famosi che però sanno disegnare dei caratteri ben precisi e intriganti (ho trovato fantastica la Medusa si Uma Thurman,  l'Ade metallaro di  e lasexy Persefone di Rosario Dawson ). Il protagonista è- sulla falsariga di Harry Potter e Spiderman- il classico ragazzo chiuso e sfigatello, con problemi di dislessia, che scopre di essere figlio del dio del mare e che quindi tutte quelle difficoltà che incontra nel mondo reale altro non sono che la “prova” della sua nascita speciale; e quindi imparerà a gestirle fornteggiando non solo altri suoi simili di cui ignorava l’esistenza, ma anche difficoltà e prove di vario tipo legati alla lottaper salvare la madre. Come sempre l’insegnamento principali  sono però che i poteri migliori  sono  la fiducia in sé stessi e nelle proprie capacità, e la forza dell’unione e dell’amicizia.
I tre giovani attori protagonisti sono meritevoli e simpatici,  e gli attori famosi (Uma Thurman, Sean Bean, Pierce Brosnan) , spesso abituati al ruolo di portagonisti, come detto sanno farsi da parte tratteggiando comunque i loro personaggi in maniera convincente e incisiva.
Notevoli effetti speciali, soprattutto nella parte dove i protagonista scendono in Ade, atraversando un inferno che sarebbe sicuramente piaciuto a Dante; ci sono anche scambi di battute ironiche e intelligenti (in particolare tra la coppia Ade-Persefone), dialoghi non troppo banali o mielosi (tranne nell’ultima parte, quando Percy e Annabeth si trovano a cospetto dei divini genitori, situazione già di per sé surreale).
Sembra che prossimamente verrano tratti dei film dagli altri due romanzi della serie, sicuramente continuerò a seguire le avventure di Percy & C….

Nessun commento:

Posta un commento