giovedì 13 dicembre 2012

Grandi speranze (Great expectations), 2012

Regia di Mike Newell, con Jeremy Irving (Pip Pirritt), Holiday Granger (Estella Havisham), Helena Bonham Carter (Miss Havisham), Ralph Fiennes (Able Magwitch),Jason Fleming (Joe Gargery),Olly Alexander (Herbert Pocket).

L’orfano Pip vive con la sorella e il cognato Joe in una piccola cittadina; un giorno viene chiamato a casa della signorina Havisham, un’eccentrica donna che dopo una delusione d’amore vissuta molti anni prima vive rinchiusa in casa e senza nessun contatto con il mondo, per giocare con la di lei figlia adottiva Estella.
Sin dai loro primi incontri il ragazzino si invaghisce di Estella, che bellissima e sprezzante si dimostra sempre fredda e indifferente; dopo qualche tempo la ragazzina viene mandata in collegio e i due non si rivedono più.
La vita di Pip cambia improvvisamente quando, grazie a un misterioso benefattore, viene prelevato dalla famiglia d’origine per essere condotto a Londra ed educato per diventare gentiluomo; si apre  per il giovane una nuova vita e comincerà a nutrire alcune “grandi speranze”, appunto, tra le quali la principale è quella di conquistare il cuore di Estella….



Tratto dal romanzo omonimo (1861) di Charles Dickens, sono rimasta davvero molto soddisfatta da questo film: fedele al romanzo (i cambiamenti sono pochi e non significativi), bravi interpreti, costumi e ricostruzioni molto belli, film interessante e non noioso.
In particolare, ero molto curiosa di vedere Helena Bonahm Carter nei panni di Miss Havisham, e devo dire che l'attrice ha fornito un'interpretazione davvero superba di questo toccante e difficile personaggio, molto più vicina alla realtà del romanzo di altre versioni, o delle stesse illustrazioni del romanzo.
Efficaci anche i due giovani protagonisti, molto affascinante l'interprete di Estella che con la sua bellezza diafana e impenetrabile riesce tuttavia a conferire tratti di umanità al suo personaggio che nel romanzo, francamente, non ero riuscita a percepire.
E' molto difficile essere completamente soddisfatti delle versioni cinamtografiche dei libri, ma in qusto caso a me è capitato.
Da appassionata di orecchini, una nota di merito per gli splendidi orecchini indossati da Estella!






lunedì 10 dicembre 2012

Bambi, 1942


Regia di David Dodd Hand, James Algar, Bill Roberts, Norman Wright, Sam Armstrong, Paul Satterfield,Graham Heid, con le voci di Loretta Goggi (Bambi cucciolo), Roberto Chevalier (Bambi, adulto),Fiorella Betti (mamma di Bambi),Corrado Pani (Tamburino)


Il cerbiatto Bambi, figlio del Re della Foresta, trascorre un’infanzia felice accanto alla dolce mamma e agli amici: la timida puzzola Fiore, il vivace coniglio Tamburino e Faline, un’altra cerbiattina.
Un giorno la mamma viene uccisa da un cacciatore: questo fatto segna l’infresso di Bambi nella vita degli “adulti”, in cui effettivamente lo ritroviamo cresciuto dopo qualche tempo, e in lotta per conquestare non solo l’amore di Occhidolci, ma anche il titolo di Re della Foresta…






Tratto dal romanzo per bambini di Felix Salten “Bambi, vita di un capriolo” (1925), è un altro dei classici Disney più amati di tutti i tempi.
A essere sincera, a me non è particolarmente piaciuto, l’ho trovato abbastanza noioso nonostante la simpatia del coniglio Tamburino; per lungo tempo è stato così, i film composti da soli protagonisti animali non mi sono mai piaciuti molto, con uniche eccezioni: LA CARICA DEI 101 e ROBIN HODD (ovviamente le versioni Disney).
Comunque penso sia un film che valga la pena di vedere e far vedere ai bambini, soprattutto i più piccoli, che però potrebbero rimanere turbati dalla scena della morte della mamma di Bambi (considerata da vari esperti una delle scene più traumatizzanti della storia del cinema…addirittura!); per il resto la storia è chiaramente interpretabile come una “storia di formazione”, seppure narrata in ambito animale. Se possa risultare istruttiva non lo so, forse potrebbe esserlo per i bambini più grandicelli (8-10 anni), per gli altri come detto risulteranno più affascinati i personaggi in sé più che la storia.
Musiche senza infamia né lode, meno presenti che negli altri classici Disney. Colori e disegni molto vividi.
Il film ricevette tre nomination agli Oscar: miglior sonoro (Sam Slyfield), migliore canzone (per "L'amore è una canzone" cantata in originale da Donald Novis) e migliore colonna sonora, ed è l’ultimo film Disney realizzato prima dell’entrata in guerra degli Stati Uniti.




Cronache di poveri amanti, 1954


Regia di Carlo Lizzani, con Antonella Lualdi (Milena), Irene Cefaro (Clara), Eva Vanicek (Bianca), Cosetta Greco (Aurora), Marcello Mastroianni (Ugo), Adolfo Consolini (Maciste), Anna Maria Ferrero (Gesuina), Giuliano Montaldo (Alfredo).

Le protagoniste di questo film  sono quattro amiche: Aurora, Milena,Bianca e Clara, soprannominate “Gli angeli di via del Corno”, la via di Firenze dove sono nate e dove vivono.
E che, come spesso capita, è un piccolo mondo dove tutti si conoscono, con tante persone e tante storie: c’è Maciste, il maniscalco antifascista, c’è Carlino, che invece è fascista della prima ora e sogna di diventare gerarca; c’è Alfredo, il marito di Milena, che viene ridotto in fin di vita dai squadristi per non aver preso la tessera del fascio; ci sono le nostre quattro amiche con gioie, dolori e amori. Su tutti, domina  la Signora, che da anni non esce più di casa per una malattia invalidante ma che si tiene al corrente di tutto grazie alla serva Gesuina, e che tesse trame e intrighi di ogni tipo…


Tratto dall’omonimo romanzo (1947 ) di Vasco Pratolini, è un bel film che, utilizzando uno spunto da “neorealismo rosa” arriva a narrare una storia prevalentemente corale, sacrificando per questo parte delle situazioni private dei protagonisti, che invece nel romanzo sono ben dettagliate.
Il risultato è un piccolo affresco di un’epoca, in cui ogni attore dà buona prova di sé nel proprio ruolo (da notare un Marcello Mastroianni alle prime armi) riuscendo a ritagliarsi il proprio spazio in mezzo a tanti personaggi e tante storie.
Probabilmente piacerà molto agli amanti del genere (come me), ai puristi del romanzo non so….comunque penso valga la pena di vederlo, se non altro per recuperare un piccolo pezzo del nostro cinema migliore.




lunedì 19 novembre 2012

Un giorno speciale, 2012



Regia di Cristina Comencini, con Giulia Valentini (Gina), Filippo Scicchitano (Marco).


Marco e Gina si incontrano per una fortuita circostanza: lui è al suo primo giorno di lavoro come autista, lei deve recarsi da un onorevole amico della madre che la aiuterà a entrare nel mondo dello spettacolo.


Dato che per un contrattempo l’onorevole non potrà ricevere subito Gina, Marco viene incaricato di intrattenerla per l’intera giornata; i due iniziano cosi a girare per Roma….




Tratto dal romanzo IL CIELO CON UN DITO ( 2010) di Claudio Bigagli, è un film carino senza troppe pretese, rivolto al pubblico giovanile ma con un occhio pure per gli adulti.


I due protagonisti sono due giovani figli dei tempi della crisi, e ciò viene avvertito per tutto il film.


Soprattutto lei, la bella Gina, che accetta passivamente il compromesso con l’onorevole facendo finta di non sapere di cosa si tratta e solo perché spinta dalla madre, perché il suo obiettivo è quello di lavorare nel cinema, ma che in realtà è una comune ragazza con dei sogni, dei sentimenti, un bisogno di affetto e di autenticità che a mio avviso la giovane e sconosciuta attrice che la interpreta rende molto bene.


Marco, il protagonista maschile, è un ragazzo apparentemente scanzonato e contento, soprattutto del suo primo giorno di lavoro, ma in realtà anche dentro di lui cova una traccia di insoddisfazione non così nascosta come si potrebbe pensare; l’essere stato raccomandato, la consapevolezza di quello a cui gina sta per piegarsi lo portano alla ribellione finale, ma in sostanza questi ragazzi pensano e agiscono “alla giornata”, senza riflettere troppo sulle conseguenze di quello che fanno e ritagliandosi, in fondo, uno spazio per pretendere di poter vivere ancora con incoscienza e spensieratezza.


Il film non è lungo ma passa ancora più in fretta dato che al regista sa tenere molto bene viva l’attenzione degli spettatori e coinvolgerli nella vicenda. Ottima colonna sonora e splendide (e non poteva essere altrimenti….)vedute di Roma.
 
 

domenica 14 ottobre 2012

Il rosso e il blu, 2012


 

Regia di Giuseppe Piccioni , con Margherita Buy (La preside ), Riccardo Scamarcio (Prof. Prezioso ), Roberto Herlitzka (Prof. Ferlito ), Ionut Paun (Adam), Lucia Mascino (Elena Togani).

In un liceo romano inizia il nuovo anno scolastico: c’è la preside scrupolosa e attenta alle regole, c’è il giovane supplente al suo primo incarico emozionato e idealista e c’è l’anziano professore di storia dell’arte ormai disilluso da tempo, con una vita appassita tra i libri.

Tutti loro saranno, in vicende diverse e a livelli diversi, coinvolti da alunni vecchi e nuovi che mostreranno come la scuola non è un’esperienza che si esaurisce tra i banchi…

 
Tratto dal romanzo omonimo (2011 ) di Marco Lodoli  , è un film che descrive realisticamente problemi, vizi e virtù di una tipica scuola italiana dei nostri giorni.

Causa lavoro e vicende personali, amo molto i film ambientati a scuola , di qualsiasi nazionalità; ho apprezzato anche questo, seppure non ho potuto fare a meno di notare qualche scivolone.

Innanzitutto una precisazione: la scena inziale con la preside che arriva a scuola e va sistemare la carta igienica da lei portata da casa nei bagni E’ VERISSIMA, vita vissuta! E c’è anche il proiettore rotto che nessuno ripara, il cassetto degli anni’20 (del ‘900…) che ormai non si apre più, le sedie che non sono abbastanza e quando una si rompe bisogna girare tutta la scuola per trovarne un’altra….insomma, io lavoro all’asilo ma posso confermare, non solo perché ricordo ancora la mia esperienza scolastica….!

Lavorare in condizioni di questo genere, e- mi permetto di aggiungere- in un settore dove gli stipendi sono bassi, il precariato è ormai la regola e il mondo di fuori ha perso il rispetto e si basa solo su pregiudizi non è certo facile, e quindi mi sono ritrovata, nonostante la differenza d’età, più nei panni del cinico professore di arte (interpretato da un bravissimo Roberto Herlitzka)- a cui però basterà l’incontro con una ex alunna che nemmeno ricordava più a ridare un senso a una vita vuota e arida- che nel supplente precario Scamarcio, armato di buone intenzioni ma forse un po’ fuori dal mondo per certi aspetti, anche se è quello che si preoccupa di più dei suoi studenti. Mi ha colpito anche la rigida preside che si trova a vedere smantellate le sue certezze e la sua corazza quando si trova alle prese con un alunno problematico e abbandonato, molto brava Marghrita Buy in questo ruolo, anche se dire che ormai questo tipo di interpretazione le è omrai congeniale.

Bravissimo anche il ragazzino che interpreta appunto l’alunno problematico di cui sopra; nel complesso un bel film,molto più veritiero dell’ipocrita spot Miur che circola in questi giorni….



 

giovedì 27 settembre 2012

30 giorni di film

8) Un film che consiglieresti: ROMANZO CRIMINALE (tanto per non ripetermi....)

mercoledì 26 settembre 2012

30 giorni di film


7) Il film che ti descrive: non ancora girato, credo!
Anche se a volte ho trovato vari personaggi che mi somigliavano in maniera impressionante...

martedì 25 settembre 2012

30 giorni di film

6) il film più corto che tu abbia mai visto: la prima versione di ALICE NEL PAESE DELLE MERAVIGLIE (1909, tre minuti).

lunedì 24 settembre 2012

domenica 23 settembre 2012

30 giorni di film

4) Il film  più brutto che tu abbia mai visto: uno su tutti? NON TI MUOVERE, di Sergio Castellitto.
Ma potrei anche mettere IL GLADIATORE, ARANCIA MECCANICA, I  4 FIGLI DI KATIE ELDER...insomma, come per i preferiti, la scelta è vasta!

sabato 22 settembre 2012

30 giorni di film

3) Il tuo personaggio preferito di un film: ehhhhhhhhhh tanti anche qui! tanto per non ripetermi, citerò Holly Golightly di COLAZIONE DA TIFFANY.

Tutti al cinema con Barbie parte I

Per distrazione ho cancellato il precedente post sulle Barbie Hollywood, lo ripubblico ora chiedendo scusa a chi l'aveva commentato!

Ripropongo un post che avevo messo sul mio vecchio blog: quello dedicato alla serei "Barbie Hollywood" che riproduce ciclicamente da anni (l'uòtima, Grace Kelly, è uscita quest'estate) personaggi di film e attrici di Hollywood. Sono bellissime, quasi introvabili e quasi sempre costosissime, ovviamente!



VIA VOL VENTO







Rossella e Rhett



GRACE KELLY

Versione "La finestra di fronte"



Versione "Caccia al ladro"

 




AUDREY HEPBURN


Colazione da Tiffany




Le quattro versioni di Eliza Dolittle in MY FAIR LADY









Ecco qui invece Ken- Higgins:





MARYLIN MONROE

In QUANDO LA MOGLIE E' IN VACANZA




Con Jane Russell in COME SPOSARE UN MILIONARIO



COME SPOSARE UN MILIONARIO , quando canta "Diamond's are a girl's best friends"



Tippy Hedren in GLI UCCELLI:







TUTTI INSIEME APPASSIONATAMENTE



JAMES DEAN




KATE WINSLET in TITANIC


fine prima parte...



venerdì 21 settembre 2012

30 giorni di film


2) La tua citazione preferita.

Tutti al cinema con Barbie parte II

Prosegue la carrellata dedicata alla Barbie da collezione che riproducono personaggi del cinema...

I protagonisti de IL MAGO DI OZ






La malvagia strega dell'Est





C'è anche la buona strega dell'Ovest e i mastichini.


GREASE



Sandy




Rizzo



Francy




Sandy nella parte finale del film.

Ci sono anche Sandy in versione Cheerleader, nella scena del ballo scolastico e altre due Pink Ladies.

LIZ TAYLOR



In Il PADRE DELLA SPOSA



In CLEOPATRA



TWILIGHT

Edward e Bella



Alice Cullen



Jane





Devo confessare che uno dei miei desideri è quello di collezzinarle tutte, purtroppo causa spazio, prezzi e per il fatto che molte sono difficilmente trovabili, se non su E bay, credo che sarà già tanto se riuscirò ad averne una.
Le mie preferite sono quelle di Audrey Hepburn (ovviamente), Rossella O'Hara col vestito di Tara, le due Sandy di "Grease"e Grace Kelly in "Caccia al ladro".
In effetti su E bay ne ho anche trovate alcune che costano sui 30 euro, chissà che al mio compleanno.....


giovedì 20 settembre 2012

30 giorni di film

Sicuramente in molti ricorderanno "30 giorni di libri" giochetto che qualche mese fa partendo da Facebook è stato ripreso poi da anobii e da molti blog.
Ora ho deciso di trasformare la lista in "30 giorni di film",dedicato ovviamente al cinema:

1) Il tuo libro preferito: tanti, ne cito due: RADIOFRECCIA di Luciano Ligabue e ROMANZO CRIMINALE, di Michele Placido.



martedì 18 settembre 2012

Uccelli di rovo (The Thorn Birds), 1983


 
Regia di Daryl Duke, con Richard Chamberlain (Padre Ralph de Bricassarde), Rachel Ward (Maggie Cleary), Jean Simmons (Fiona Cleary), Richard Kiley (Paddy Cleary),Barbara Stanwick (Mary Carson), Bryan Brown (Luke O’Neill), Mare Winningham (Justine O’Neill),Philip Anglim (Dane O’Neill), Piper Laurie (Anne Mueller).

 

Australia, primi anni ’30: Paddy Cleary arriva dall’Irlanda con la sua numerosa famiglia per lavorare nel ranch dell’anziana e ricchissima sorella Mary. Frequentatore della tenuta è anche padre Ralph, un giovane e ambizioso prete che spera che Mary lo aiuti nella sua carriera ecclesiastica; il quale si affeziona molto a Maggie, la figlia minore dei Cleary, una bambina solitaria e  trascurata dai suoi genitori, per la quale diventa il punto di riferimento più importante per tutta l’adolescenza.

Anni dopo, tra Maggie ormai cresciuta e padre Ralhp nasce uno scandaloso e combattuto amore…

 

Tratto dall’omonimo best seller (1977 ) di Collen McCoullgh, è sicuramente lo sceneggiato più famoso degli anni ’80, e non solo in Italia: negli USA le prime tre puntate si trovano tutt’ora tra i dieci programmi più visti di tutti i tempi.

Un successo planetario quindi per uno sceneggiato- kolossal, che al di là dell’insipida (per la sottoscritta, beninteso, dato che milioni di spettatori e spettatrici in tutto il mondo l’adorano tutt’ora….) storia d’amore, ha in effetti molti meriti: in primis, un’ottimo cast  che raduna tra l’altro alcuen “vecchie glorie” del cinema, a partire dal protagonista Richard Chamberlain ( che già negli anni ’60 aveva avuto grande successo in tv con la serie “Il dottor Kildare”)- a mio avviso molto efficace, forse ottimo,  nel ruolo di padre Ralph, diviso tra l’amore per Dio, quello per Maggie e, diciamocelo, quello per i soldoni…- per proseguire con Jean Simmons, bellissima e piena di fascino e grazia anche se non più giovane e soprattutto vestita con abiti da poveraccia, nel ruolo della madre di Maggie, forse una delle figure più interessanti, sofferte e profonde dell’intera storia; la veterana Barbara Stanwick nel ruolo dell’odiosa (tratta il fratello e la famiglia come degli schiavi!) e ridicola (è innamorata di padre Ralph e cerca di sedurlo…ditemi voi!) proprietaria di Drogheda.

In tempi non sospetti, gandi attori che certamente non hanno avuto paura di confrontarsi con il mezzo televisivo ritenendolo inferiore.

Ottime prove anche per gli attori più giovani e grande successo ovviamente per la bella della storia, la giovane e bella Raquel Welch nel ruolo dell grintosa, capricciosa e allo stesso tempo generosa protagonista, il vero motore della storia d’amore, con la sua sicurezza in questo sentimento anche andando contro tutto e tutti.

La sottoscritta ama molto le sagh familiari di questo tipo, e quindi anche lo sceneggiato (ma di più il libro) mi è piaciuto molto soprattutto per questo, dato che – storia d’amore scandalosa a parte-tratta la storia di una famiglia nel corso di alcuni decenni; una vita dura spesso segnata da grandi tragedie (su tutte, pare che quella che ha più colpito gli spettatori di ogni tempo sia stata la morte di Stu, uno dei fratelli di Maggie), ma anche vissuta all’insegna dell’unità familiare e dell’attaccamento alla propria terra, vista proprio in quest’ottica più che come ricchezza; cosa che ricorda molto Rossella O’Hara e Tara in VIA COL VENTO.

Impossibile non menzionare i bellissimi paesaggi australiani in  cui,per la maggior parte, si svolge l’azione, ancora meglio illustrati da un’abile fotografia che mette in risalto soprattutto i colori forti e smaglianti.

Bella la colonna sonora, ma antesignana di una fastidiosa abitudine comune alle colonne sonore di oggi: ovvero, si alza all’improvviso assordando lo spettatore….

Nel 1996 è stata girata una miniserie intitolata UCCELLI DI ROVO:GLI ANNI MANCANTI, diretta da Kevin James Dobson, che racconta appunto il “buco temporale” presente nella storia orginale, ovvero gli anni della seconda guerra mondiale.

Nel ruolo di padre Ralph ancora Richard Chamberlain, mentre Maggie è interpretata da Amanda Donohe.
 
 

sabato 15 settembre 2012

Le ragazze di Sanfrediano, 1954


 

Regia di Valerio Zurlini , con Rosanna Podestà (Tosca ), Giovanna Ralli (Mafalda), Marcella Mariani (Gina), Giulia Rubini (Silvana),Antonio Cifariello (Bob).

 

 

Nella Firenze dell’immediato dopoguerra, nel quartiere di Sanfrediano, il giovane Aldo Serrani, detto Bob per la somiglianza con l’attore Robert Taylor, si diverte a sfarfalleggiare da una ragazza all’altra, fingendosi fidanzato con tutte e tenendo in piedi più di una storia.

Ma un giorno le quattro ragazze: Mafalda, Tosca, Gina e Silvana scoprono l’inganno e si riuniscono per architettare una bella vendetta ai danni del galletto….

 



Tratto dall’omonimo romanzo  (1949) di Vasco Pratolini, il film appartiene al genere del “neorealismo rosa” in voga negli anni ’50. E’ una  versione quasi totalmente diversa dal libro,anche se ne mantiene lo spirito goliardico  e scanzonato con cui il di per sé poco simpatico protagonista (credo che una vicenda simile nella realtà sarebbe vissuta in modo ben diverso!) riesce comunque ad accattivarsi qualche simpatia al di là del “ti sta bene” che sorge spontaneo alla fine del film.

Un cast basato interamente su attori giovanissimi (alcuni, come Giovanna Ralli, destinati a una lunga e fortunata carriera) contribuisce sicuramente a dare al film quella patina di spensieratezza e allegria tipico del genere; tra di loro spiccano appunto la Ralli nel ruolo di Mafalda, la ragazza più “chiacchierata” e indipendente del gruppo, e Il protagonista maschile che cambia maschera per ognuna delle sue conquiste.

Chi, come me, ama particolarmente questo genere di cinema ne rimarrà soddisfatto, nonostante la totale diversità dal romanzo.
 
 
 
 
 

giovedì 13 settembre 2012

The hours, 2002


 
Regia di Stephen Daldry, con Nicole Kidman (Virginia Woolf), Meryl Streep (Clarissa Vaughn ), Julianne Moore (Laura Brown), Claire Danes (Julia Vaughn), Ed Harris (Richard Brown), Stephen Dillane (Leonard Woolf),Miranda Richardson (Vanessa Bell), John C.Reilly (Daniel Brown).

 

In tre epoche  diverse, le vite di tre donne sono legate fra loro da “La signora Dalloway”, uno dei romanzi più famosi di Virginia Woolf.

La prima è proprio la famosa scrittrice inglese, che comincia a soffrire di depressione mentre sta scrivendo “La signora Dalloway”; la seconda è Laura Brown, infelice casalinga degli anni ’50 che proprio leggendo il romanzo prenderà la decisione più grande della sua vita; la terza è Clarissa, insegnante dei giorni nostri, che sta organizzando un’ultima festa in onore dell’amico Richard , malato terminale di Aids, e che quindi si vede come una moderna  Mrs Dalloway…

 

Tratto dal romanzo LE ORE (1999 ) di Michael Cunningham, è un film a episodi intrecciati ma non troppo difficile da seguire; purtroppo, come è stato riscontrato da più critici, è abbastanza lento e monotono, seppure di buona fattura e con delle interpreti molto brave, soprattutto Nicole Kidman (che per questo ruolo ha vinto l’Oscar come migliore attrice protagonista), imbruttitasi con naso posticcio per interpretare la complessa figura di Virginia Woolf- operazione perlatro riuscita: la Kidman è davvero molto intensa e credibile nel ruolo della tormentata scrittrice, come forse poche altre volte nel corso della sua carriera- e Julianne Moore nel ruolo dell’inquieta casalinga anni ’50: quella che alla fine prenderà al decisione più estrema (e davvero poco apprezzabile sotto ogni punto di vista) e alla fine si rivelerà la chiave tra le tre protagoniste.

Un poco “fissa” nella sua solita bravura ho trovato la Streep, il personaggio che mi ha comunicato di meno dal punto di vista emotivo, anche se ho apprezzato molto il legame tra il suo personaggio e quello dell’amico scrittore malato terminale di AIDS, unica presenza maschile rilevante in mezzo a tre prime donne, anche s enon mi sentirei di definirlo un film “al femminile”, perché credo che le tematiche che affronta siano di interesse universale per entrambi i sessi.

Nel 2003 il film fu candidato a ben nove premi Oscar: miglior film, regia, attore  e attrice non protagonisti, attrice protagonista, montaggio, colonna sonora, costumi,sceneggiatura non originale. Vinse solo Nicole Kidman come migliore attrice portagonista.
 
 

mercoledì 5 settembre 2012

La freccia nera 2006




Regia di Fabrizio Costa , con Riccardo Scamarcio (Marco di Monforte ), Martina Stella (Giovanna Bentifoglio di Fanes), Ennio Fantastichi (Raniero di Rottenburg), Jane Alexander (Magdalia di Toblach), Giulio Berruti (Thomas).

Italia, 1400 circa. Marco di Monforte è un giovane orfano allevato dal potente Raniero; Giovanna Bentivoglio è una giovane nobile, nipote del vescovo di Cusano, cresciuta in convento. I  due giovani sono stati promessi sposi dai loro tutori pur non essendosi mai visti; per evitare questo matrimonio e contemporaneamente difendere l’eredità paterna che le spetta di diritto scappa dal convento e va in guerra fingendosi un uomo; qui conosce e fa amicizia proprio con Marco, ignorando entrambi le rispettive identità…



Della serie: “ma se volete raccontare una storia a modo vostro non potete raccontarla senza dire che è un remake di un grande classico?!”.
Infatti questo sceneggiato ha ben poco a che veder sia con il romanzo si Robert L. Stevenson al quale si ispira , sia all’omonimo sceneggiato del 1968 di cui dovrebbe essere il remake, a partire dal fatto che non è nemmeno ambientato in Inghilterra ma in Italia.
Unica traccia, il fatto che i due giovani protagonisti siano stati promessi dalle famiglie e si innamorino senza conoscersi (e pensando di odiare, ufficialmente, il rispettivo promesso) e il fatto che lei per tentate di sfuggire alla sua sorte si vesta da uomo e- in questo caso,- vada a combattere (insomma: “meglio ammazzata in guerra che moglie tua!”).
I due protagonisti Riccardo Scamarcio e Martina Stella fra loro non funzionano proprio; potrebbero ben definirsi “siamo la coppia più improbabile del mondo”. Zero alchimia, zero passione, sono molto più credibili quando si combattono.
Anche presi singolarmente fanno una magra figura: lei passi, ormai ci siamo abituati; lui- che a mio avviso non è proprio da disprezzare come invece va molto di moda fare- sembra lì proprio per prendere lo stipendio, nonostante anche considerando i cambiamenti, le potenzialità il personaggio le aveva….
Per quello che ho potuto vedere (dato che ho abbandonato la visione dopo due puntate di sofferenza) molto meglio il cattivo Ennio Fantastichini…ma se avessi resistito lo avrei fatto solo per le location.
Da dimenticare (come , credo, la maggior parte del pubblico ha da subito fatto, visti i  non eccelsi ascolti ottenuti)!



domenica 2 settembre 2012

Le ragazze di Sanfrediano, 2008




Regia di Vittorio Sindoni , con Giampaolo Morelli (Bob), Vittoria Puccini (Mafalda), Martina Stella (Silvana), Camilla Filippi (Tosca), Chiara Conti (Gina), Donatella Salvatico (Bice), Giorgio Borghetti (Gianfranco)

Nella Firenze dell’immediato dopoguerra, nel quartiere di Sanfrediano, il giovane Aldo Serrani, detto Bob per la somiglianza con l’attore Robert Taylor, si diverte a sfarfalleggiare da una ragazza all’altra, fingendosi fidanzato con tutte e tenendo in piedi più di una storia.
Ma un giorno le quattro ragazze: Mafalda, Tosca, Gina e Silvana scoprono l’inganno e si riuniscono per architettare una bella vendetta ai danni del galletto….

Versione tv dell’omonimo romanzo (1949) di Vasco Pratolini, è una delle fiction che più mi sono piaciute in questi ultimi anni, molto ben fatta e che, anche se in alcuni punti diversa dal romanzo originale(soprattutto nel finale), mantiene fede allo spirito goliardico del romanzo.
Ho trovato il cast femminile ( la parte preponderante della storia) azzeccato singolarmente ama anche abbastanza affiatato: su tutte le migliori sono Vittoria Puccini nel ruolo di Mafalda, la ragazza più difficile e problematica,quella destinata ad affrontare le prove più dure,  e Camilla Filippi in quello della vivace Tosca, i due personaggi a mio avviso più realistici e sentiti. Martina Stella come al solito fa un magra figura, rimanendo per la quasi totalità del tempo con espressione immobile, contrita con occhi bassi, che vorrebbe illustrare il dolore della ragazza che ha perso il fidanzato in guerra, ma che in realtà sembra solo una suora in abiti civili; Giampaolo Morelli figura bene nel ruolo del mascalzone Bob, in fondo non senza  cuore.
Splendidi (non poteva essere altrimenti) i luoghi dove la storia è ambientata, ovviamente sul posto, in Toscana e buona la ricostruzione di abiti, case e altro dell’epoca.










venerdì 31 agosto 2012

Le avventure di Winny The Poh (The many adventures of Winny The Pooh), 1977




Regia di John Launsbery e Wolfgang Reitherman, con le voci italiane di: Marco Bresciani (Winnie The Pooh), Lorenzo DE Angelis (Christopher Robin), Gil Baroni (Tigro),Valerio Ruggeri (Tappo), Fabrizio Vidale (Pimpi), Polo Buglioni (Ih Oh),Massimo Corvo (Uffa)

L’orsetto Winny The Pooh vive nel, Bosco dei Cento Acri assieme ad altri amici animali: il coniglio Tappo, il maialino Pimpi, il tigrotto Tigro, l’asinello Ih Oh, il gufo Uffa, la Cangura Canga con il figlio Ro e il piccolo Christopher Robin, unico umano della compagnia.
Pohh è talmente goloso di miele che, ogni volta che si presenta una minima occasione per averne un po’, fa veramente di tutto,cacciandosi spesso nei guai…

Tratto dalla serie di libri per bambini di A.A Milne, è sicuramente il cartone Disney con la serie di personaggi più popolari e amati di sempre fra bambini e ragazzi di ogni età, soprattutto fra i piccolissimi. Ormai diventato un vero e proprio fenomeno di merchandising (esiste un qualche prodotto per bambini che non abbia l’immagine di Winny Pooh & soci?), è stato protagonista anche di una lunga di serie di lungometraggi Disney e di alcune serie tv, di cui questo è il primo.
I personaggi e le storie sono molto semplici, ma ho notato che la mancanza di linearità e la successione di episodi non risulta sempre comprensibile o gradita ai bambini più piccoli, che magari apprezzano i personaggi in sé e le gag comiche o una storia in particolare, ma non riescono più di tanto a stare attenti alla storia.
Non penso che i personaggi abbiano bisogno di presentazione, ma ovviamente in una recensione che si rispetti non possono mancare…e quindi, ecco Winny Pooh, orsetto golosone di miele e svanito, Tappo, il coniglio nevrotico, la saggia mamma Canga col cangurino Ro, Pimpi il maialino timido e pauroso, il saggio gufo Uffa e l’incontenibile Tigro  e lo sfortunato asinello Ih Oh (il preferito di mia sorella quando era piccola); animali che incarnano pregi e difetti degli umani.
La stanza con i giochi e i pupazzi che si vede all’inizio del film è la vera stanza di Christopher Robin Milne, figlio dell’autore del romanzo, alla quale il padre si ispirò per le sue storie; si può quindi dire che, in fondo, anche Winny e soci sono “esistiti” davvero…
Questo film non uscì mai in Italia fino alla sua pubblicazione per l'home video alla fine degli anni'90; gli episodi furono però spezzettati e trasmessi come cartoni animati in Tv.
Come ho detto, esistono tanti lungometraggi con questi protagonisti, eccone alcuni: “WinnY Pooh alla ricerca di Cristopher Robin” (1997), Winny Pooh e l’avventura di San Valentino” (1999), “T come Tigro” (2001), “Pimpi, piccolo grande eroe” (2003), “Winny Pooh e  gli efelanti (2006).