domenica 29 giugno 2014

The vampire diaries- Stagione IV




Regia di   con Nina Dobrev (Elena Gilbert/Katherine Pierce), Paul Wesley (Stefan Salvatore), Ian Somerholder (Damon Salvatore), Steven McQueen (Jeremy Gilbert),Katherina Grahm (Bonnie Bennett),Candice Accola (Caroline Forbes), Zach Roering (Matt Donovan),Michael Trevino (Tyler Lockwood),Joseph Morgan (Klaus Mikaelson),Claire Holt (Rebeckah Mikaelson), Todd Williams (Connor Jordan),Daniel Gillies (Eliah Mikaelson),DAvid Alpay (prof. Shane).




Dopo l'incidente con cui terminava la terza stagione Elena si sveglia con in circolo il sangue di Damon: è in fase di transizione per diventare vampira. Mentre la nostra completa la sua trasformazione, a Mystic Falls inizia tutta una serie di disgrazie, a partire dal pastore Young che decide di farsi saltare per aria in un attentato con altre 12 persone. Il tutto si scoprirà collegato all'esistenza di una misteriosa cura contro il vampirismo, di cui però ne esiste una sola copia che è bramatissima dalla maggior parte dei vampiri.
Nel mentre, continuano le solite dinamiche: Elena indecisa tra Stefan e Damon, Klaus sempre più cattivo, Rebeckah sempre più umana, Katherine sempre più stronza....ecc ecc ecc


Causa mancanza di tempo, accumularsi di materia prima interessante e difficoltà a reperire tutti i telefilm che mi interessano dato che è stato chiuso Cineblog, avevo un po' tralasciato la recensioni dei telefilm; ora finalmente ho finito di seguire anche questa quarta serie di "The Vampire diaries", uno dei telefilm che più mi ha appassionato negli ultimi anni.
Complice, inutile dirlo, il personaggio di Damon, che anche in questa stagione rimane il più interessante della serie, ma anche quello capace di dare più emozioni e più colpi di scena alla storia. Nonostante ciò devo riconoscere che in questa serie i personaggi della famiglia Mikaelson si confermano come gli unici capaci di rubare la scena a Damon  e di rivaleggiare con lui in termine di interesse, sia come personaggi che come storie.
In questa serie mi è piaciuta davvero molto Rebeckah, un personaggio veramente pieno di sfaccettature: una cattiva a tutto tondo, a volte veramente perfida ma con un fondo di umanità sempre più forte che alla fine, emergendo, è capace di conquistare; vedo molto interessante una sua possibile storia con Matt, visto che  a quanto pare è l'unica che ha saputo coglierne e apprezzarne il valore, nonostante sia uno dei personaggi più in ombra (e aggiungerei, l'unico della città a essere rimasto umano, visto che quasi tutti ormai sono vampiri, licantropi, streghe e quant'altro!).
Altri personaggi interessanti, Klaus (per lui vale lo stesso discorso fatto sulla sorella: un cattivo a tutto tondo, anche meno umano di Rebeckah, ma il cui amore per Caroline, nonostante nato dal nulla nella serie scorsa,è sviluppato in maniera molto interessante, così come il rapporto con la ragazza in questione), Caroline (sempre più matura e dolce sotto la patina frivola)e Tyler :il triangolo Tyler- Caroline-Klaus è molto più interessante di quello STefan-Elena- Damon. Scadente invece, come sempre (non mi è mai parsa credibile) la coppia Jeremy-Bonnie.
A proposito di quest'ultima: in questa serie compaiono, dopo tanti anni, i genitori che l'avevano abbandonata con la nonnoa, disinteressandosene per 18 anni:ovviamente appena arrivano sembra che vogliano fare i genitori dell'anno....fossi stata la figlia, avrei usato i miei poteri magici per combinargli qualche scherzetto. 

Per quanto riguarda i nostri protagonisti, questa è la serie della svolta: Elena sceglie finalmente....non vi dico chi, ma se vi dico che la scelta non mi ha entusiasmato perchè il personaggio merita ben di meglio penso capirete! Oltretutto, cosa c'è di peggio di una Elena scipita e incolore come finora era stata? Ve lo dico io, una Elena cattiva che perde progressivamente la propria umanità causa dolori vari, arrivando a non distinguersi quasi più dal suo doppio Katherine: tanto di cappello comunque  all'attrice Nina Dobrev che ha saputo caratterizzare due personaggi simili.
Come da tradizione nei vari telefilm americani che parlano di adolescenti. anche qui abbiamo la puntata del giorno del diploma: puntata come sempre commovente per la sottoscritta, nonostante no sia una consegna "canonica" e nonostante il comprensibile scarso entusiasmo di Stefan: che essendo vampiro, quindi eterno, si è diplomato ormai infinite volte....!
Complessivamente la serie si lascia ancora vedere, anche se in molte parti accentua il senso di stanchezza e di noia già apparso nella precedente serie...vedremo come continuerà con la quinta serie.






Nessun commento:

Posta un commento